MEDIAZIONE FAMILIARE

Il conflitto? Risolvilo in famiglia.

DIALOGARE PER IL BENE COMUNE

Con il nostro servizio puoi ricavarti uno spazio accogliente in cui creare le condizioni ideali per gestire il conflitto, assicurando a tuo figlio la possibilità di continuare a contare su entrambi i genitori, senza sovrapposizioni e interferenze giudiziarie.

COS'È E COME FUNZIONA

È il servizio che offre alla coppia genitoriale la possibilità di un ciclo limitato d'incontri, al di fuori del sistema giudiziario, in cui affrontare i nodi conflittuali della separazione e del divorzio e giungere molto concretamente a prendere delle decisioni.

Con l'aiuto del mediatore i genitori progettano il futuro delle loro relazioni con i figli (chi abiterà con loro, quando potranno incontrarli, in che modo se ne prenderanno cura e così via) e concordano le modalità di gestione più funzionali all'equilibrio economico-patrimoniale del nuovo assetto familiare (per esempio, chi disporrà della casa, come saranno divisi i beni e/o quale sarà la forma e la misura del mantenimento).

QUANDO MEDIARE…

Per i genitori che hanno deciso di separarsi e che desiderano avviare una mediazione familiare il momento ideale, sia pure non valido per tutti, è collocato in una fase precoce della vicenda separativa, preferibilmente anteriore all'avvio delle procedure legali. Tale termine è consigliato, ma non obbligatorio, in quanto l'efficacia dell’intervento dipende dalle caratteristiche di ogni famiglia e dalla collaborazione dei singoli genitori.

…E PERCHÉ

A LIVELLO INDIVIDUALE

Per rafforzare l'autostima e la stima dell'altro, superare il momento critico e promuovere la ridefinizione dell'identità personale, favorendo un approccio più reattivo alle conseguenze della separazione.

A LIVELLO RELAZIONALE

Per aiutare la coppia a rimanere unita nell'esercizio della funzione genitoriale, incentivandola a mantenere rapporti continuativi e significativi con i figli.

A LIVELLO PRATICO

Per ridurre i costi della separazione, permettendo in tempi relativamente brevi la stesura di un progetto d'intesa durevole e soddisfacente per tutti i membri del nucleo familiare.

E I FIGLI?

Agli incontri di mediazione familiare solitamente i figli non partecipano, pur essendo presenti dall'inizio alla fine nella mediazione affettiva dei loro genitori. Tuttavia, previo consenso da parte di questi ultimi, una loro convocazione è possibile laddove abbiano un'età adeguata e manifestino la volontà di partecipare.