Archivio tag: Coppia genitoriale

Mediazione familiare e sostegno alla genitorialità

La mediazione familiare si rivolge a coloro che stanno vivendo una separazione (direttamente o indirettamente), operando in una delicata area intermedia che si colloca a cavallo tra il contesto psico-socio-pedagogico e il contesto legale, ovvero quello psicogiuridico. L’accompagnamento attraverso le difficoltà della transizione e il dolore per la rottura del patto coniugale è il principale onere del mediatore, il quale, prima ancora che un arbitro, un negoziatore o un conciliatore, è un “curatore” della relazione tra le parti. Continua a leggere

In mediazione familiare per salvare il progetto genitoriale

In una relazione di coppia in cui siano presenti figli i partner vivono una doppia dimensione: la coniugalità e la genitorialità. Si tratta di dimensioni parallele che danno vita a progetti diversi, prossimi tra loro quanto a coinvolgimento emotivo, impegno e investimento, ma nettamente distinti quanto a compiti e responsabilità. Nel momento della separazione non è infrequente la confusione tra i due ruoli, tanto che mantenere la continuità della coppia genitoriale si profila come compito particolarmente difficile, a causa delle interferenze derivanti dal conflitto che opera nella sfera dimensionale della coniugalità. Continua a leggere

Gestire la complessità delle relazioni familiari nella separazione

Gestire la complessità delle relazioni familiari nella separazione

Probabilmente un uomo e una donna che vivono insieme tutta la vita, amandosi l’un l’altro e amando i propri figli, rappresentano la situazione più vicina al concetto di benessere familiare. Ciò che colpisce, però, è la forza con cui tendenzialmente si resiste all’idea che possano esserci altri modi, altrettanto degni, validi e maturi, di volersi bene, sostenersi a vicenda e crescere dei bambini, quando la relazione tra i genitori non è più fonte di benessere. Continua a leggere

Separarsi o restare insieme “per il bene dei figli”?

Separarsi o restare insieme "per il bene dei figli"?

Nel momento in cui concepiamo un figlio, ci assumiamo la totale responsabilità della sua vita: saremo chiamati a nutrirlo (fisicamente ed emotivamente), a proteggerlo, a insegnargli a stare al mondo, ma soprattutto a far sì che cresca il più possibile sano e felice. Per tale ragione, quando la relazione col partner è compromessa e l’idea della separazione inizia a farsi strada, la mente corre immediatamente agli effetti che questa avrà sui figli. Come reagiranno? Ne porteranno i segni per tutta la vita? Riusciranno a superare il trauma? Continua a leggere

Separiamoci e non parliamone più… (o forse sì)

Separiamoci e non parliamone più... o forse sì

Finché stanno insieme, i coniugi si muovono nel quadro di un’organizzazione e di ritmi familiari dichiarati (o più semplicemente vissuti) all’interno dei quali si strutturano abitudini e routine. Ciascuno ricopre il proprio ruolo, secondo le dinamiche costruite all’interno della coppia e della famiglia, senza che nessuno debba preoccuparsi di chi farà cosa. Insomma tutto fluisce in modo naturale e, grazie alla comprensione empatica, in un’assenza pressoché totale di comunicazione verbale. Ma cosa cambia quando i coniugi si separano? Cosa accade quando la coppia non è più coniugale, ma “soltanto” genitoriale? Continua a leggere