Lombardia, 1.000.000 di euro ai genitori separati

Lombardia, 1.000.000 di euro ai genitori separati

Da un paio di giorni, grazie al decreto n. 6230 del 4 luglio 2013, i genitori separati possono richiedere un sostegno economico a Regione Lombardia. Lo stanziamento per il 2013 ammonta complessivamente a 1.000.000 di euro. Le ASL, sulla base di quanto loro assegnato, autorizzeranno una spesa massima di 2.400 euro per ogni progetto personalizzato di aiuto. Tale importo sarà erogato tramite accredito su carta di debito prepagata di un contributo mensile di 400 euro per una durata massima di sei mesi, fino all’esaurimento delle risorse.

Ecco tutte le informazioni utili.

CHI PUÒ FARNE RICHIESTA

Possono farne richiesta i genitori separati da non oltre tre anni con uno o più figli minori in situazione di grave e comprovato disagio economico.

QUALI SONO I REQUISITI NECESSARI

Per poter ottenere il contributo occorre essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza documentata in Lombardia da almeno cinque anni precedenti alla data di presentazione della domanda;
  • disagio economico documentato mediante attestazione ISEE. Per il 2013 la soglia ISEE massima è stata determinata in 12.000 euro. In caso di superamento, dovrà essere presentata documentazione integrativa che dimostri la condizione di difficoltà economica per l’anno di richiesta del contributo: (i) attestato di disoccupazione; (ii) licenziamento o cessazione di un contratto a tempo determinato di natura subordinata o assimilabile di durata superiore ai sei mesi; (iii) inserimento del lavoratore nelle liste di mobilità individuale o collettiva o in cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria (con riduzione oraria superiore al 30%); (iv) ultime buste paga del/la lavoratore/trice (in caso di persona occupata); (v) copia dell’eventuale lettera di licenziamento o sospensione collettiva in cassa integrazione o mobilità; (vi) attestazione dell’ammontare dell’assegno di mantenimento prescritto dal tribunale; (vii) ogni altro documento che dimostri il disagio economico debitamente verificato in punto di effettività dall’ASL procedente;
  • sottoscrizione del patto di corresponsabilità da parte del richiedente e dell’ASL responsabile della presa in carico.
  • DOVE E QUANDO PRESENTARE LA DOMANDA


    La domanda può essere presentata all’ASL di residenza oppure presso gli enti pubblici e privati (accreditati e contrattualizzati) che aderiscono all’iniziativa a partire dal 15 luglio 2013.

Questo articolo è stato pubblicato in Sostegno economico e taggato come , , , il da

Informazioni su Redazione web

La redazione web è il team in-house che gestisce i contenuti delle piattaforme online dell'agenzia (sito, blog e pagine social), garantendone costantemente l'aggiornamento, la correttezza, l'accuratezza, la coerenza e l'accessibilità. Oltre al personale interno, fanno capo all'unità circa 500 professionisti tra avvocati, psicologi e mediatori familiari, un gruppo multidisciplinare che, con le sue diversificate competenze ed esperienze, garantisce agli utenti la pubblicazione di un ampio spettro di approfondimenti di carattere tecnico-divulgativo sui temi della separazione e del divorzio.

Un pensiero su “Lombardia, 1.000.000 di euro ai genitori separati

  1. Pingback: Genitori separati, il sostegno economico in Lombardia | AIGES - Blog

I commenti sono chiusi.