IMU, rata sospesa anche per separati e divorziati

IMU, rata sospesa anche per separati e divorziati

Ora è ufficiale: l’acconto di giugno della tanto temuta (e odiata) imposta sulla prima casa non si pagherà. Non è stata abolita, ma semplicemente rinviata in attesa di una più articolata revisione della tassazione sugli immobili che il governo si è impegnato a realizzare entro il 31 agosto. Obiettivo che, se non centrato, ne ristabilirà l’obbligo di versamento entro il 16 settembre. Per il momento, quindi, solo una boccata d’aria.

Ma vediamo cosa prevede nello specifico il decreto-legge n. 54 del 21 maggio 2013, adottato dal governo, e cosa comporta per il coniuge separato o divorziato assegnatario della casa coniugale: “Nelle more di una complessiva riforma della disciplina dell’imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare (…) – dispone testualmente l’art. 1 – per l’anno 2013 il versamento della prima rata dell’imposta municipale (…) è sospeso per l’abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9”.

Il testo non fornisce indicazioni specifiche riguardo alla casa coniugale. Tuttavia, in base a quanto previsto dal comma 12-quinquies dell’art. 4 del decreto-legge n. 16 del 2 marzo 2012, convertito nella legge n. 44 del 26 aprile 2012, e cioè che “ai soli fini dell’applicazione dell’imposta municipale (…) l’assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione”, può ritenersi che, per assimilazione legale all’abitazione principale, gli effetti della sospensione debbano estendersi anche alla casa assegnata al coniuge separato, che potrà pertanto rinviare il versamento dell’imposta al mese di settembre.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisco e tasse e taggato come , , , il da

Informazioni su Redazione web

La redazione web è il team in-house che gestisce i contenuti delle piattaforme online dell'agenzia (sito, blog e pagine social), garantendone costantemente l'aggiornamento, la correttezza, l'accuratezza, la coerenza e l'accessibilità. Oltre al personale interno, fanno capo all'unità circa 500 professionisti tra avvocati, psicologi e mediatori familiari, un gruppo multidisciplinare che, con le sue diversificate competenze ed esperienze, garantisce agli utenti la pubblicazione di un ampio spettro di approfondimenti di carattere tecnico-divulgativo sui temi della separazione e del divorzio.