Separazione, divorzio e IMU

Separazione, divorzio e IMU

“L’assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, s’intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione”. È quanto stabilito dal decreto-legge n. 16 del 2 marzo 2012 (cd. decreto semplificazioni), coordinato con la legge n. 44 del 26 aprile 2012. Cambio di rotta, quindi… Sì, perché, se per l’ICI era stato previsto l’obbligo di pagamento a carico di entrambi i proprietari, ovvero del proprietario esclusivo anche per la casa abitata dall’ex coniuge, ora l’IMU equipara il diritto di abitazione dell’immobile assegnato dal giudice al diritto reale di abitazione, trasferendo tale obbligo a chi occupa l’appartamento a prescindere dal fatto che ne sia il proprietario o ne possieda una quota.

Ecco allora una mini guida per capire meglio il funzionamento della nuova imposta.

COS’È L’IMU

L’IMU è un’imposta patrimoniale che si applica sul valore degli immobili di proprietà. Come previsto dall’art. 8 del decreto legislativo n. 23 del 14 marzo 2011 (Disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale) tale imposta sostituisce ICI, Irpef e addizionali comunali e regionali.

SU COSA SI APPLICA

L’IMU si applica su tutti gli immobili con esclusione del reddito da locazione, che continua a essere sottoposto a tassazione ordinaria.

CHI PAGA

Sono obbligati al pagamento i proprietari d’immobili e i titolari di diritti reali di godimento.

ALIQUOTE BASE E DETRAZIONI

Le aliquote ordinarie, fissate dal decreto-legge n. 201 del 6 dicembre 2011 (cd. decreto salva Italia) sono pari al 4‰ sulla prima casa e al 7,6‰ sulle altre e valgono su tutto il territorio nazionale. Se l’immobile è adibito a prima casa, il contribuente ha diritto a una detrazione di 200 euro, maggiorata di 50 euro (fino a un massimo di 400 euro) per ciascun figlio a carico di età non superiore ai 26 anni residente anagraficamente e dimorante abitualmente nella stessa.

COME SI CALCOLA

Il punto di partenza è la rendita catastale dell’immobile, che può essere rilevata dall’atto di acquisto o da una semplice visura catastale online. La rendita dev’essere rivalutata del 5% e moltiplicata per 160. Il risultato costituisce la base imponibile su cui va applicata l’aliquota. Occorre quindi calcolare l’imposta, moltiplicando la base imponibile per l’aliquota ordinaria e sottraendo al risultato la detrazione di 200 euro per la prima casa, eventualmente maggiorata di 50 euro (fino a un massimo di 400 euro) per ciascun figlio a carico di età non superiore ai 26 anni residente anagraficamente e dimorante abitualmente nella stessa.

Facciamo l’esempio pratico di un immobile con rendita catastale di 500 euro, adibito a prima casa, di proprietà di un contribuente con un figlio a carico:

  • calcolo della base imponibile: 500 euro (rendita catastale) x 1,05 (rivalutazione) x 160 (coefficiente) = 84.000 euro;
  • calcolo dell’imposta netta: 84.000 euro x 4‰ (aliquota) = 336 euro (imposta lorda) – 200 euro (detrazione sulla prima casa) – 50 euro (detrazione per il figlio a carico) = 86 euro.

DOVE SI PAGA…

Il pagamento può essere effettuato esclusivamente mediante modello F24:

  • presso qualsiasi ufficio postale;
  • presso qualsiasi sportello bancario;
  • tramite il servizio di home banking fornito dalla propria banca;
  • tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate;
  • tramite un intermediario abilitato.

…E QUANDO

L’IMU sulla prima casa si paga in tre rate. La prima e la seconda, ciascuna pari a un terzo dell’imposta totale, devono essere pagate entro il 18 giugno e il 17 settembre. La terza rata, a saldo di eventuali variazioni decise a livello comunale, entro il 17 dicembre. L’IMU sulla seconda casa segue invece il comportamento dell’ICI con due rate al 50%: acconto a giugno e saldo a dicembre. Come l’ICI anche l’IMU è dovuta in proporzione al periodo di possesso nel corso dell’anno, per cui dev’essere rapportata ai mesi effettivi di possesso. Nel caso in cui il possesso si protragga per oltre 15 giorni in un mese è necessario considerare l’intero mese. Per le case acquistate nel corso del 2012 la presentazione della dichiarazione IMU deve avvenire entro il 30 settembre.

Questo articolo è stato pubblicato in Fisco e tasse e taggato come , , , , , il da

Informazioni su Redazione web

La redazione web è il team in-house che gestisce i contenuti delle piattaforme online dell'agenzia (sito, blog e pagine social), garantendone costantemente l'aggiornamento, la correttezza, l'accuratezza, la coerenza e l'accessibilità. Oltre al personale interno, fanno capo all'unità circa 500 professionisti tra avvocati, psicologi e mediatori familiari, un gruppo multidisciplinare che, con le sue diversificate competenze ed esperienze, garantisce agli utenti la pubblicazione di un ampio spettro di approfondimenti di carattere tecnico-divulgativo sui temi della separazione e del divorzio.